Migliora le tue attività di marketing con il calendario editoriale [#09]

Ascolta “#09 – Migliora le tue attività di marketing con il calendario editoriale” su Spreaker.

Preferisci leggere? Ecco l’articolo completo.

Hai mai fatto un viaggio senza pianificare nulla? Solo tu, i tuoi amici e la strada. 
Io l’ho fatto ed è il genere di vacanza che preferisco.

C’è poco da fare, improvvisare è BELLO, è divertente e può dare sapore a una vita fatta di routine e responsabilità.

Quando però ci poniamo un obiettivo concreto nella vita e vogliamo assicurarci di raggiungerlo, l’improvvisazione non è di grande aiuto.

Serve un metodo e un piano concreto, specialmente quando si fa marketing. È essenziale per governare il caos delle nostre idee e controllare le variabili che possono impazzire e portarci fuori strada.

Ecco perché oggi voglio parlarti di uno strumento indispensabile per organizzare al meglio le tue attività di marketing online e raggiungere più facilmente i tuoi obiettivi: il calendario editoriale.

Un calendario editoriale ti aiuta a gestire nel dettaglio le responsabilità per la ricerca, la scrittura, l’approvazione e la pubblicazione dei contenuti.

Vedremo insieme:

  • cos’è un calendario editoriale (e in cosa è diverso rispetto alle strategie di marketing)
  • gli elementi che rendono efficace un calendario editoriale
  • come pianificare un calendario editoriale
  • cosa fare con tutto il nuovo traffico che arriverà dai tuoi contenuti

Dopo aver letto questo articolo, avrai le linee guida per mettere la tua azienda sul giusto binario, senza improvvisazioni e deviazioni di percorso. Quelle, potrai conservarle per il tuo viaggio on the road! 😉

Che cos’è un calendario editoriale

Il calendario editoriale è lo strumento con cui il tuo team, o il tuo consulente di marketing, pianifica e organizza le pubblicazioni dei contenuti. Fornisce una visione chiara e consente di vedere fisicamente quali contenuti devono essere completati, quando e su quali canali è prevista la loro pubblicazione.

Attenzione, però: il calendario editoriale non è una strategia di marketing

La strategia di marketing è qualcosa che devi sviluppare prima di mettere in atto un piano editoriale. Se non hai ancora definito una strategia di marketing, ti consiglio di farlo.

Questo perché la tua strategia di marketing è la pietra angolare di tutte le tue attività e non puoi fare piani senza di essa. In altre parole, puoi avere una strategia di marketing senza un calendario editoriale ma non dovresti MAI avere un calendario editoriale senza una strategia di marketing. Di sicuro, dovresti averli entrambi.

Cosa hanno in comune i calendari editoriali efficaci

Come ho detto prima, il calendario editoriale è uno strumento per organizzare le tue risorse in azienda dedicate alle attività di marketing. È la tabella di marcia per raggiungere tutti gli obiettivi delineati nella tua strategia.

Non ci saranno mai due calendari editoriali uguali (ogni azienda ha esigenze di marketing diverse), tuttavia posso indicarti alcuni aspetti che li rendono efficaci.

Hanno un sistema chiaro e codificato

Poiché i calendari editoriali si occupano di tutti i tipi di contenuto, si riempiono molto rapidamente. Ciò significa che è importante disporre di un sistema che renda facile seguire il calendario. Di solito, i calendari editoriali utilizzano codici colore per distinguere i diversi tipi di contenuto, le campagne specifiche e lo stato di ogni attività.

Sono accessibili a tutto il team

Ogni marketing specialist sa che la creazione di contenuti è uno sforzo di squadra. Sia che il tuo reparto vendite sia in attesa di vedere completata una landing page, o che un editor sia in attesa di rivedere uno dei tanti articoli del blog , tutti dovrebbero avere accesso a ciò che viene fatto, sapere quanto manca al suo completamento e chi è il responsabile.

Sono documenti vivi

I calendari editoriali vengono pianificati di mese in mese o per trimestre. Non dovrebbero incoraggiare infinite “modifiche” al flusso di lavoro, ma dovrebbero essere abbastanza flessibili da consentire cambiamenti quando sono necessari. Ogni calendario editoriale efficiente trova il suo equilibrio.

Rendono la vita più facile a tutti

Il punto centrale di un calendario editoriale è quello di semplificare la produzione di contenuti e di organizzare le attività. Se scopri che il tuo team pone costantemente domande su ciò che deve essere fatto, da chi e per quando, è un segno che il tuo sistema ha bisogno di miglioramenti.

Sono realistici

Devono stabilire un programma di pubblicazione ambizioso ma realizzabile. Non puoi offrire contenuti al tuo pubblico per tre mesi e improvvisamente interrompere perché metà del tuo team è sovraccarico.


Quando hai un buon sistema in atto, vedrai rapidamente i vantaggi per la tua squadra di marketing: essere organizzati porta a un output di contenuti più elevato che porta ad attirare più clienti e, in definitiva, generare più conversioni. Affronteremo il tema delle conversioni tra poco.

Per ora, è importante ricordare che anche la migliore strategia di marketing può andare fuori dai binari di tanto in tanto. E non c’è nulla che uccida il tuo traffico, le tue vendite e i tuoi lead più rapidamente delle scadenze mancate, dei vuoti nella pubblicazione dei contenuti, sia che si tratti di blog, social media, video o qualsiasi tipo di contenuto che il tuo pubblico si aspetta.

Avere un calendario editoriale ti mantiene organizzato, responsabile e, soprattutto, costantemente produttivo.

Come pianificare un calendario editoriale

Ci sono tanti modi per definire un calendario editoriale. 
Innanzitutto non deve essere complicato. Trovare quello che funziona bene per te e il resto del tuo team è davvero ciò che conta di più. 

Alcune persone preferiscono i metodi della vecchia scuola come una carta da parati o una lavagna bianca. Altri creano fogli di calcolo Excel da condividere. 

JIRA è uno strumento di project management che consente agli utenti di creare un sistema di elenchi visivi. Lo uso da tempo in agenzia. Per i team di grandi dimensioni può essere utile, perché consente a tutti di vedere rapidamente su cosa si sta lavorando chi ci sta lavorando. Tutti sono informati sullo stato di avanzamento dei progetti con una rapida occhiata.

Altri software come CoSchedule promettono di “risparmiare 30 minuti per ogni contenuto che crei”. Lo fa consolidando gli strumenti di gestione dei progetti, marketing, blog e social media in un unico calendario. Questo può essere fatto da WordPress o da un apposito software online.

In alternativa, i Fogli Google sono uno strumento gratuito e personalizzabile che consente ai colleghi di lavorare simultaneamente sullo stesso file. I grafici colorati rendono il calendario di facile lettura. Come Excel, ha formule integrate, tabelle pivot e opzioni di formattazione condizionale.

Conosci il tuo pubblico e definisci i contenuti importanti

Come nella strategia di marketing, è importante conoscere il proprio pubblico. 
I contenuti devono essere pertinenti altrimenti le persone non troveranno interessante la tua offerta. 

Scopri di cosa ha bisogno il tuo pubblico e sviluppa contenuti per risolvere i suoi problemi e soddisfare i suoi desideri.

Devi individuare le tipologie di contenuti che andrai a produrre e i loro obiettivi specifici.
Comprendere l’intento di ricerca dei tuoi potenziali clienti sul web può fare la differenza.

Presta attenzione anche alla stagionalità dei tuoi prodotti o del tuo settore. Conoscere in anticipo le necessità del tuo pubblico in base a un determinato periodo, ti aiuterà a suddividere meglio la produzione di contenuti nelle settimane successive.

La coerenza vince su tutto

Puoi essere convincente, creativo e intelligente con i tuoi contenuti, ma assicurati di distribuirli in modo coerente. 

Nel suo libro pluripremiato, “Le regole infrangibili del marketing”, Cathey Armillas afferma che una regola infrangibile è la coerenza. 

“Nel lungo periodo, un’azienda coerente con il suo messaggio di marketing avrà la meglio su un competitor che comunica in modo incoerente, anche se i suoi messaggi incoerenti sono di qualità superiore.”

Cathey Armillas, Marketing Strategist

Il calendario editoriale ti aiuta in questo.
Ti permette di essere coerente perché ti offre una visione di insieme di tutti gli argomenti trattati e ti aiuta a capire dove e quando è più vantaggioso pubblicare i tuoi contenuti.

Deve esserci coerenza nei contenuti ma anche nella pubblicazione.
Nella prima fase, considera lo stesso giorno e lo stesso orario per lo stesso tipo di contenuto. 
Ad esempio, puoi pubblicare un nuovo articolo del blog ogni mercoledì alle 10:00 e creare un post dedicato su Facebook lo stesso giorno alle 10:30.

La ripetizione crea abitudini.

Alcuni esperti affermano che le persone impiegano circa 20 giorni per sviluppare un’abitudine, ma uno studio condotto dall”University College di Londra ha scoperto che in media servono 66 giorni affichè una nuova abitudine diventi “automatica”.

Misura i risultati e ottimizza il tuo piano editoriale

Il monitoraggio delle statistiche dal tuo sito e dai social media ti consentirà di vedere dove il traffico sta crescendo e diminuendo, che tipo di social media funziona e cosa no. In genere, nel giro di un mese o due, le tendenze iniziano a manifestarsi. 

È quindi molto importante tornare al calendario editoriale e apportare le modifiche necessarie

Considerando l’investimento iniziale nella creazione del calendario editoriale, alcune persone potrebbero essere contrarie al cambiamento. È comprensibile. 

Tuttavia, se continui a rispettare qualcosa che non funziona solo perché ti sei impegnato a pianificarlo, i tuoi obiettivi non verranno mai raggiunti. Adattare il tuo calendario editoriale al modo in cui gli utenti consumano i tuoi contenuti è la chiave per fare un “content marketing” di successo.

La pubblicazione costante ed efficiente di contenuti di qualità porterà alla tua azienda un significativo aumento di traffico e potenziali clienti interessati alla tua offerta.

Ma tutto questo significa automaticamente più vendite e conversioni?
Purtroppo no. Per questo avrai bisogno di un sistema.

Come trasformare il traffico in Lead e conversioni

Pubblicare contenuti con regolarità ti farà guadagnare più traffico, ma avrai bisogno di un modo per convertire questo traffico da semplici visitatori a clienti, come parte della tua strategia di marketing. In che modo?

Un ottimo primo passo è creare quello che nel marketing viene chiamato Magnete o Lead Magnet.

Di che si tratta?
Un magnete è un incentivo che le aziende offrono ai potenziali clienti in cambio del loro indirizzo e-mail o altre informazioni di contatto. In genere è un contenuto digitale e scaricabile, come una guida in PDF gratuita, un report, un eBook, un white paper, un video, ecc.

Perché ogni azienda ha bisogno di un magnete?

Se desideri generare contatti online, la tua azienda ha bisogno di un magnete. Punto.

Per quale motivo?
Perché l’email è una cosa molto personale (per non parlare del numero di telefono). Le persone non ti daranno semplicemente i loro dati senza un valido incentivo, anche se a loro piace il tuo prodotto o il tuo brand. 
L’obiettivo di ogni professionista di marketing è dare agli utenti un motivo convincente per lasciare i propri dati.

Cosa rende efficace un Lead Magnet?

Ci sono 7 cose che il tuo magnete deve poter fare per essere irresistibile:

  1. Deve risolvere un vero problema: se il tuo magnete non risolve un vero problema del tuo potenziale cliente, o se non gli dà qualcosa che di cui ha davvero bisogno, non funzionerà.
  2. Deve promettere un risultato immediato: il tuo magnete dovrebbe promettere una rapida vittoria per il tuo cliente. In altre parole, dovrebbe aiutarlo a ottenere facilmente qualcosa.
  3. Deve essere super specifico: non creare un magnete su qualcosa di generico. Quanto più specifico sei sul vantaggio del tuo magnete, tanto più sarà in grado di convertire.
  4. Deve essere di facile lettura: le check-list in PDF tendono a convertire molto bene perché sono veloci e facili da leggere. E-book o report troppo lunghi, invece, possono appesantire i tuoi clienti.
  5. Deve avere un alto valore: il tuo magnete deve avere sia un alto valore percepito sia un alto valore reale.
  6. Deve essere accessibile istantaneamente: il tuo magnete funzionerà meglio se è qualcosa che può essere consegnato immediatamente, magari al momento del rilascio dei dati da parte dell’utente. La gente adora la gratificazione istantanea.
  7. Deve dimostrare la tua esperienza: dal tuo magnete deve emergere la tua esperienza nel settore e la tua unique selling proposition, ovvero la caratteristica che ti rende diverso e migliore rispetto alla concorrenza. Questo aspetto è determinante nel processo di conversione di una persona, da semplice utente interessato, a cliente.

Conclusioni

La produzione di contenuti è una parte fondamentale di ogni strategia di marketing online, è la benzina che genera interazioni, contatti e conversioni. Ma è importante creare e pubblicare i contenuti regolarmente ed è essenziale avere un piano preciso e concreto.

Per questo il calendario editoriale gioca un ruolo fondamentale per migliorare al produttività e l’efficienza. Integralo nella tua azienda e i risultati non tarderanno ad arrivare.


Restiamo in contatto!

Non perdere i prossimi articoli e puntate del podcast.