Come creare una strategia sui social media [#15]

Ascolta “#15 – Come creare una strategia sui social media” su Spreaker.

Preferisci leggere? Ecco l’articolo completo.

Una social media strategy deve darti risposte su tutto ciò che intendi fare e speri di ottenere sui social media. Deve guidare ogni tua azione e permetterti di capire se stai ottenendo risultati.

Più specifica sarà la tua strategia, più sarà efficace. 
Ma deve anche essere sintetica. Una strategia troppo vasta e arzigogolata potrebbe rivelarsi difficile da realizzare e impossibile da misurare.

In questa puntata, ti darò qualche consiglio per creare una strategia vincente per il tuo marketing sui social media.

1. Scegli i tuoi obiettivi di marketing sui social media

Il primo passo per creare una strategia funzionale è stabilire i tuoi obiettivi e traguardi. Senza obiettivi, non hai modo di misurare il successo e il ritorno sull’investimento (ROI).

Ognuno dei tuoi obiettivi dovrebbe essere S.M.A.R.T., ovvero:

  • Specifico
  • Misurabile
  • Raggiungibile
  • Pertinente
  • Time-bound (deve avere un lasso di tempo limitato) 

Ecco un esempio di un obiettivo che rientra nella logica SMART:

“Utilizzeremo Facebook per l’assistenza clienti e abbasseremo il nostro tasso di risposta medio a meno di due ore entro la fine del trimestre.”

Tieni traccia delle metriche significative

Le “vanity metrics” come il numero di follower e like, sono facili da tracciare, ma è difficile dimostrare il loro vero valore. Devi concentrarti invece su aspetti più tangibili come l’engagement, i clic sui tuoi link e i tassi di conversione.

È necessario individuare le metriche giuste in base agli obiettivi specifici che vuoi perseguire sui social, ma anche in base a ogni singola attività che fai sui tuoi canali.

Ad esempio, se utilizzi LinkedIn per indirizzare il traffico verso il tuo sito, dovresti misurare il numero di clic sui link dei tuoi post. Se invece usi Instagram per aumentare la visibilità del tuo brand, potresti tenere traccia del numero di visualizzazioni delle Stories. E se fai una campagna “Lead ads” su Facebook, il numero di contatti generati dai tuoi annunci è senz’altro la prima metrica da tenere d’occhio.

Gli obiettivi dei social media devono allinearsi con gli obiettivi di marketing della tua azienda. Inizia quindi a sviluppare il tuo piano di marketing sui social media scrivendo almeno tre obiettivi principali che siano in linea con quelli della tua azienda.

2. Conosci il tuo pubblico e crea la tua audience

È importante sapere chi è il tuo pubblico e cosa vuole vedere sui social media. In questo modo puoi creare contenuti su misura per i suoi interessi e che potrà più facilmente apprezzare, commentare e condividere. Questo passaggio è determinante, se vuoi trasformare un semplice follower in un cliente.

Devi quindi definire la tua audience, partendo da informazioni come:

  • Età
  • Luogo di residenza
  • Reddito medio
  • Istruzione e professione
  • Interessi

… e tanto altro ancora.

Se vuoi approfondire questo punto e capire nel dettaglio come trovare la tua audience e delineare il profilo del tuo cliente ideale, ti consiglio il mio articolo dedicato alla creazione delle buyer personas.

L’elemento chiave è che devi conoscere i tuoi follower e clienti come persone reali, con desideri e bisogni reali. Solo così sarai in grado di comunicare con loro e coinvolgerli sui social media.

L’analisi dei social media può fornire moltissime informazioni preziose su chi sono i tuoi follower, dove vivono e come interagiscono con il tuo brand sui social.

Non basare le tue scelte su semplici ipotesi o su pregiudizi comuni.
Pensi per esempio che Facebook sia un social migliore per raggiungere i baby boomer (quelli nati tra il 1946 e il 1964) rispetto ai millennials (1981-1996)? 

Beh, se vai a controllare i numeri scoprirai con grande sorpresa che i Millennials sono molto più numerosi dei Boomer sulla piattaforma.

Fonte: PEW Research Center

3. Conosci la concorrenza

Ho una brutta notizia e una buona.
La brutta notizia è che i tuoi concorrenti stanno già utilizzando i social media. La buona è che puoi imparare da ciò che stanno facendo per migliorare le tue strategie e batterli sul campo.

Devi condurre un’analisi competitiva. Un’analisi dei competitor ti permette di capire cosa stanno facendo bene sui social, ma anche quello che NON stanno facendo bene. 

Avrai il polso di ciò che si aspetta il pubblico dal tuo settore e questo ti aiuterà a individuare le opportunità.

Forse uno dei tuoi concorrenti è dominante su Facebook, ma ha fatto pochi sforzi su Twitter o Instagram. Potresti volerti concentrare sui canali in cui il tuo pubblico non è particolarmente seguito, oppure cercare di conquistare nuovi utenti lontano da un player dominante.

Potrebbe essere una buona strategia… ma anche no!

La strada non è basare le tue scelte su ciò che fanno (o non fanno) i tuoi concorrenti. Devi piuttosto capire in cosa stanno avendo successo e in cosa stanno sbagliando. 

E per fare questo, devi trovare un riscontro oggettivo su dati in tuo possesso, ricerche e statistiche.

Potresti renderti conto, ad esempio, che la scelta del tuo competitor di non presidiare un determinato canale, sia la conseguenza di una accurata analisi del pubblico di riferimento. Potrebbe aver capito che Twitter non è il canale giusto dove intercettare la propria audience.

Vedi quindi come la scelta di presidiare un canale non coperto dal tuo competitor possa rivelarsi un errore. Tutto questo puoi verificarlo analizzando i dati di mercato, ma non solo.

Il social listening è un altro modo per tenere d’occhio i tuoi concorrenti e capire se le loro strategie sono vincenti o se sono un buco nell’acqua.

Utilizzando specifici tool di monitoraggio come Hootsuite, puoi impostare flussi di ascolto, monitorare parole chiave e account dei tuoi concorrenti in tempo reale, per scoprire cosa condividono e cosa dicono le altre persone su di loro.

Durante il monitoraggio, potresti notare cambiamenti nel modo in cui vengono utilizzati i canali social, oppure potresti individuare un post o una campagna specifica che riescono a fare breccia nel cuore dei tuoi potenziali clienti.

Questo tipo di informazioni può rivelarsi prezioso per ottimizzare la tua strategia di marketing sui social media.

4. Fai un check up dei tuoi canali social

Se stai già utilizzando i social media, è opportuno fare un bilancio dei tuoi sforzi e dei risultati raggiunti finora. 

Ecco alcune domande che ti dovresti porre:

  • Cosa funziona e cosa no?
  • Quali sono gli utenti più coinvolti e perché?
  • In che modo la tua presenza sui social media si rapporta con la concorrenza?

Un’altra domanda a cui devi trovare risposta è: Quali canali utilizza il tuo pubblico?

5. Scegli i canali giusti per te

Devi capire se i tuoi canali sono adatti al tuo business, se intercettano il tuo pubblico e se vale la pena mantenerli tutti.

Questa ricerca apre la strada ad altre domande più specifiche:

  • Il mio pubblico è su questo social?
  • In tal caso, come stanno usando questa piattaforma?
  • Posso utilizzare questo account per raggiungere i miei obiettivi?

Lo so, possono essere domande insidiose, ma trovare una risposta ad ognuna di esse ti aiuterà a mantenere la tua strategia coerente e centrata sui tuoi obiettivi.

Quando avrai deciso quali social utilizzare, dovrai anche definire la tua strategia per ognuno. 

Per cominciare, puoi scrivere in poche parole la “mission” di ogni tuo canale. Una dichiarazione breve che ti servirà a rimanere concentrato su un obiettivo specifico.

Ad esempio: “Useremo Twitter per il nostro customer care, per fornire un supporto immediato e mantenere bassi i volumi di email e telefonate.”

Oppure: “Utilizzeremo LinkedIn per promuovere e condividere la cultura della nostra azienda e per facilitare il reclutamento e la diffusione dei nostri contenuti sulla rete da parte dei dipendenti”.

7. Crea un calendario di contenuti

La condivisione di ottimi contenuti è essenziale, ovviamente, ma è altrettanto importante disporre di un piano per la condivisione dei contenuti per ottenere il massimo impatto. Sto parlando del calendario editoriale.

È un documento indispensabile per pianificare tutte le attività sui social media.

Deve elencare le date e gli orari in cui pubblicherai i contenuti su ciascun canale e deve includere sia la pubblicazione quotidiana, sia i contenuti per le campagne di social advertising.

In poche parole, deve garantire che i tuoi post siano distribuiti in modo periodico e appropriato, nei momenti migliori per il tuo pubblico.

Se vuoi saperne di più su come pianificare un calendario editoriale, ti rimando a questo articolo.

Conclusioni

La social media strategy è un documento estremamente importante per la tua attività, ma non puoi aspettarti di definirla in modo perfetto al primo tentativo.

Quando inizi a implementare il tuo piano e a monitorare i tuoi risultati, potresti accorgerti che alcune strategie non funzionano come previsto, mentre altre funzionano ancora meglio del previsto.

Man mano che i dati sulle prestazioni aumentano , usali per rivalutare e perfezionare la tua strategia. Puoi utilizzare queste informazioni per testare diversi post, campagne e strategie alternative. Effettuare dei test periodici ti può aiutare a capire cosa funziona e cosa no, in modo da poter affinare la tua strategia in tempo reale.

I social media si muovono in fretta, quasi alla velocità della luce. Nascono nuovi canali mentre altri attraversano cambiamenti demografici. Ma anche la tua azienda attraverserà periodi di cambiamento.

Cosa implica tutto questo?

Che la tua strategia sui social media deve essere un documento vivente, da rivedere e adattare secondo le necessità che si presenteranno. 

È importante fare riferimento su di essa, ma non devi avere paura di apportare modifiche in modo che rifletta meglio i tuoi nuovi obiettivi.


Restiamo in contatto!

Non perdere i prossimi articoli e puntate del podcast.